Stevia: un caso flagrante di biopirateria

I Guaraní rivendicano il diritto all'equa ripartizione dei benefici

Per saperne di più

Articolo principale

 — Berna

Respingendo l’iniziativa per multinazionali responsabili, il Consiglio federale perde l’occasione di affrontare seriamente le importanti sfide nell’ambito delle imprese e dei diritti umani. L’iniziativa per multinazionali responsabili chiede che le multinazionali svizzere rispettino i diritti umani e l’ambiente. 

 — I Guaraní cui si deve la scoperta delle proprietà edulcoranti della stevia non traggono alcun profitto dal suo commercio, e ciò contrariamente a quanto prescritto dalla Convenzione sulla diversità biologica e dal Protocollo di Nagoya.
Le popolazioni autoctone rivendicano ora i propri diritti e l'azienda Evolva, di Basilea, si dice pronta a negoziare un accordo con i Guaraní. Nestlé sostiene il 

Public Eye

 — Da quasi 50 anni l'Organizzazione non governativa Public Eye (originariamente Dichiarazione di Berna) denuncia le violazioni dei diritti umani che hanno origine in Svizzera e si impegna per un mondo più giusto. 

 — In quasi 20'000 hanno firmato la petizione che chiede a Trafigura di vendere, ovunque nel mondo, solo carburanti conformi alle norme europee. Public Eye ha oggi presentato queste firme, insieme ad un container pieno dell’aira inquinata di Accra, alla sede operativa di Trafigura a Ginevra. La pubblicazione del rapporto «Dirty Diesel», che rivela come i commercianti svizzeri stiano sommergendo 

 — L’iniziativa per multinazionali responsabili verrà depositata oggi. Sono quasi 80 le organizzazioni della società civile che sostengono l’iniziativa e condividono la stessa visione: quella di una qualità svizzera che include la protezione dei diritti umani e dell’ambiente. 

 — Il rapporto “Dirty Diesel”, pubblicato oggi da Public Eye*, svela gli abusi commessi in Africa dagli imprenditori svizzeri del settore petrolchimico. Alcune aziende approfittano degli insufficienti 

 — Il « made in Europe » è spesso considerato una garanzia di qualità e di buone condizioni di lavoro. Numerose inchieste di Public Eye (originariamente Dichiarazione di Berna) e di suoi 

 — I membri della Dichiarazione di Berna riuniti in assemblea generale hanno approvato la scelta di ribattezzare l'organizzazione «Public Eye». Un nuovo nome esplicito ed orientato al futuro, nonché già 

 — A un anno dal suo lancio, l’iniziativa per multinazionali responsabili ha raccolto il numero di firme necessario alla sua riuscita. Questo dimostra che sono numerosi gli Svizzeri e le Svizzere a 

 — Oggi Fairtrade International ha pubblicato un nuovo standard per l'industria tessile, con il quale si intende regolare per la prima volta l'intera catena di produzione. Questo Label, basato sugli 

 — In vent’anni, il Ticino è diventato una destinazione molto ambita per i grandi nomi della moda come Guess, Hugo Boss o il francese Kering, proprietario delle famose marche Gucci e Puma. In